????
ContattaciMappa sito
  » home  » l'imprenditoria  » definizione di impresa

DEFINIZIONE IMPRENDITORE

DEFINIZIONE DI PICCOLA E MEDIA IMPRESA INDUSTRIALE (ai sensi della Disciplina della Commissione Europea
del 23.7.1996 recepita dalla legislazione nazionale con D.M. 18.9.1997)
Piccolaimpresa
Sono considerate piccole imprese quelle che:
  • hanno meno di 50 dipendenti;
  • realizzano un fatturato annuo non superiore a 7 milioni di EURO o, in alternativa, un totale dello stato patrimoniale non superiore a 5 milioni di EURO;
  • rispettano il requisito di indipendenza, per cui non devono essere partecipate per il 25% o più del capitale sociale o dei diritti di voto da una sola impresa o congiuntamente da più imprese che superino i parametri di PMI.


Mediaimpresa
Sono considerate medie imprese quelle che:

  • hanno meno di 250 dipendenti;
  • realizzano un fatturato annuo non superiore a 40 milioni di EURO o, in alternativa, un totale dello stato patrimoniale non superiore a 27 milioni di EURO;
  • rispettano il requisito di indipendenza, per cui non devono essere partecipate per il 25% o più del capitale sociale o dei diritti di voto da una sola impresa o congiuntamente da più imprese che superino i parametri di PMI.

Definizione di Impresa artigiana - Art.3 della Legge 8 agosto 1985, n.443, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.199 del 24 agosto 1985
"E' artigiana l'impresa che, esercitata dall'imprenditore artigiano nei limiti dimensionali di cui alla presente legge, abbia per scopo prevalente lo svolgimento di un'attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi, escluse le attività agricole e le attività di prestazione di servizi commerciali, di intermediazione nella circolazione dei beni o ausiliarie di queste ultime, di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, salvo il caso che siano solamente strumentali e accessorie all'esercizio dell'impresa .
E' altresì artigiana l'impresa che, nei limiti dimensionali di cui alla presente legge e con gli scopi di cui al precedente comma, è costituita ed esercitata in forma di società, anche cooperativa, escluse le società a responsabilità limitata e per azioni e in accomandita semplice e per azioni, a condizione che la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo e che nell'impresa il lavoro abbia funzione preminente sul capitale.
L'impresa artigiana può svolgersi in luogo fisso, presso l'abitazione dell'imprenditore o di uno dei soci o in appositi locali o in altra sede designata dal committente oppure in forma ambulante o di posteggio. In ogni caso, l'imprenditore artigiano può essere titolare di una sola impresa artigiana ."

Limiti dimensionali
Art.4 della Legge 8 agosto 1985, n.443, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.199 del 24 agosto 1985
"L'impresa artigiana può essere svolta anche con la prestazione d'opera di personale dipendente diretto personalmente dall'imprenditore artigiano o dai soci, sempre che non superi i seguenti limiti :
a) per l'impresa che non lavora in serie : un massimo di 18 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 9; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 22 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti ;
b) per l'impresa che lavora in serie, purché con lavorazione non del tutto automatizzata : un massimo di 9 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 5; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 12 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti ;
c) per l'impresa che svolge la propria attività nei settori delle lavorazioni artistiche, tradizionali e dell'abbigliamento su misura : un massimo di 32 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 16; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 40 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti . I settori delle lavorazioni artistiche e tradizionali e dell'abbigliamento su misura saranno individuati con Decreto del Presidente della Repubblica, sentite le regioni e il Consiglio nazionale dell'artigianato ;
d) per l'impresa di trasporto : un massimo di 8 dipendenti ;
e) per le imprese di costruzioni edili : un massimo di 10 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 5; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 14 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti .
Ai fini del calcolo dei limiti di cui al precedente comma :
1) non sono computati per un periodo di due anni gli apprendisti passati in qualifica ai sensi della legge 19 gennaio 1955, n.25, e mantenuti in servizio dalla stessa impresa artigiana ;
2) non sono computati i lavoratori a domicilio di cui alla legge 18 dicembre 1973, n.877, sempre che non superino un terzo dei dipendenti non apprendisti occupati presso l'impresa artigiana ;
3) sono computati i familiari dell'imprenditore, ancorché partecipanti all'impresa familiare di cui all'art.230bis del Codice civile, che svolgano la loro attività di lavoro prevalentemente e professionalmente nell'ambito nell'impresa artigiana;
5) non sono computati i portatori di handicaps, fisici, psichici o sensoriali ;
6) sono computati i dipendenti qualunque sia la mansione svolta ."
L'impresa artigiana non deve essere partecipata da una o più imprese, di dimensioni superiori ai parametri definiti, che da sole o per somma delle loro partecipazioni superino il 25% dell'impresa stessa.
L'impresa artigiana prevalentemente svolge un'attività produttiva di beni, anche semilavorati, oppure la prestazione di servizi.
Non rientrano nell'attività artigiana le attività agricole, le attività di prestazione di servizi commerciali, di intermediazione nella circolazione dei beni, le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, a meno che non siano strettamente strumentali ed accessorie all'attività di impresa.
LEGGE 19 luglio 1993, n. 236
Interventi urgenti a sostegno dell'occupazione
(Pubblicata nella Gazz. Uff. 19 luglio 1993, n. 167)
LEGGE 29 marzo 1995, n. 95
Industrializzazione e sviluppo economico del mezzogiorno
Disposizioni urgenti per la ripresa delle attività imprenditoriali.
(Pubblicata nella Gazz. Uff. 31gennaio 1995, n. 25)

web design Alecsandria Comunicazione